Kevin Durant, Tim Duncan, Dwyane Wade, Lebron James, Stephen Curry: per ognuno di loro potersi aggiudicare il titolo Nba 2016 avrebbe un sapore diverso e unico.

Dwyane Wade

Sono già tre gli anelli per il nativo di Chicago, compreso quello del 2003, che rappresenta il primo titolo per i Miami Heat. In tutti i successi però, “Flash” ha potuto contare sull’aiuto di all star di livello assoluto. Troppo spesso oscurato dall’ingombrante presenza di Lebron James, aggiungere un ulteriore anello in bacheca dimostrerebbe al mondo intero che come stella basta e avanza. Intanto in questi playoff, nonostante i 34 anni di età, Wade sta sfornando prestazioni di livello assoluto, frutto di un carattere vincente quasi unico in questa lega. Del resto quando il gioco si fa duro…

Orlando Magic v Miami Heat

Lebron James

Indiscusso dominatore della Eastern Conference, il nativo di Akron porta la propria squadra in finale dal 2011, ritrovandosi alla fine della corsa “solo” con due anelli Nba. La sensazione quando si assiste alla stagione regolare, è che sia lui a decidere quando accelerare e quando risparmiarsi, come ogni re che si rispetti. Per legittimare la sua dittatura, dalla scorsa stagione il prescelto è tornato a Cleveland , la città dove ha iniziato la sua incredibile carriera Nba, per portare i Cavs a vincere il loro primo titolo. Se dovesse farcela contro le corazzate dell’Ovest, scriverebbe un’altra pagina indelebile della sua incredibile carriera, probabilmente la più bella. Una cosa è certa: Lebron fa paura a tutti.

nba-finals-2015-game2-header

Stephen Curry

La carriera del figlio di Dell è una continua sfida alle leggi imposte al mondo degli umani.
Il suo gioco offensivo veniva considerato eccessivamente perimetrale e poco concreto per la spietata lotta dei playoff. Steph invece, come sempre, ha ribaltato i pronostici e ha trascinato i Warriors al titolo. Inutile ricordare, per l’ennesima volta, l’incredibile stagione regolare di quest’anno, lasciata ai posteri da Curry e la sua banda. Ora dovrà saldare l’ultimo conto aperto con la storia Nba: riuscire ad aggiudicarsi il secondo titolo consecutivo e il primo riconoscimento di Mvp delle Finals. Siete pronti a stupirvi di nuovo?

stephen-curry-has-become-even-more-unguardable-by-mastering-one-of-his-biggest-weaknesses

Kevin Durant

Unico giocatore di questa ristretta cerchia di campioni a non aver mai vinto il titolo Nba. KD ha all’attivo una sola esperienza nelle Finals Nba, quando nel 2012 furono i Miami Heat dei Big Three a negargli la gioia finale. Quest’anno il nativo della capitale dovrà superare San Antonio e Golden State (miracoli a parte), per cercare di vendicarsi dell’amico-rivale Lebron James. Facile? Sicuramente no, ma così facendo legittimerebbe ulteriormente il suo stato di futuro Hall of Famer. Poi si sa, la prima volta non si scorda mai…

kevin-durant-0515

Tim Duncan

La carriera del centro degli Spurs sta volgendo al termine, e in ogni caso, verrà ricordato come uno dei lunghi più forti della storia Nba. Non si può valutare il suo contributo solo con le cifre: basta poco per capire che la presenza dell’ex Wake Forest, dà equilibrio e tranquillità al resto della squadra. Probabilmente ricorderemo questo come  l‘ultimo ballo del caraibico ai playoff, al termine del quale sarà costretto a passare il testimone a Leonard e soci. Se dovesse arrivare il sesto titolo poi, Tim raggiungerebbe Mchael Jordan, superando un campione della sua generazione come Kobe Bryant. Mica male no?

s080513_spurs